Sede Rionale

Mercoledì, 29 Maggio 2013 09:40

La sede rionale si distingue su tutte le sedi degli altri rioni per funzionalità, storicità e per bellezza. Inaugurata nel 2007, la nuova sede si trova nei Giardini di Borgo Leopardi, il Borgo più famoso e conosciuto del Comune di Servigliano. Al suo interno vi è un ampia sala del consiglio che può contenere oltre 150 persone.

Proprio per questa sua capacità, è ambita tra rionanti e non solo per cene o feste di ogni genere. Questa ampia sala è attrezzata di vari comfort come riscaldamento, tv satellitare, un'imponente sedia del console con civette in oro annesse e prossimamente sarà munita anche di wi-fi. Sulle pareti, interamente con pietra dell'epoca a faccia vista, d'impatto, gli 8 palii vinti dal Rione, dal primo (vinto proprio durante la prima edizione del Torneo Cavalleresco) del 1969 fino all'ultimo risalente al 2006. Sopra ad essi, caschetto e lancia con cui il cavaliere è riuscito nell'impresa, una chicca!
Attigua ad essa, una saletta di minor grandezza usata come sala segreteria ed archivio.
Ma la funzionalità di questo edificio non sta solo nella sala del consiglio ma in altre due importanti location: la cucina e la sartoria rionale.
La cucina dotata di fornelloni moderni, di ampi e funzionali frigoriferi e congelatori, è usata con maestria dalle donne e dagli uomini del Rione che deliziano con numerose specialità i palati dei rionanti ma anche quelli di tutti coloro che vorranno fare l'esperienza della taverna rionale.
La sartoria rionale raccoglie una moltitudine di abiti, usati in questi 45 anni di giostra dell'anello e conservati in modo certosino dagli addetti ad essi. La loro realizzazione è divisa tra le sarte del Rione che proprio all'interno della sartoria, si occupano di creare e sistemare capi di qualsiasi materiale ma anche da sartorie commissionate che, sotto la guida e l'occhio attento delle professionali sarte rionali, confezionano vestiti sempre ad hoc per la tipica sfilata del sabato "quintanaro".
Quando parliamo di storicità non possiamo non far riferimento alla sua posizione. Va sottolineato infatti che essa fa parte del complesso monastico di Santa Maria del Piano (chiesa e convento). Per anni, il complesso monastico ha costituito il punto di ritrovo principale per molti serviglianesi in quanto ha ricoperto il ruolo di scuola pubblica ed asilo d'infanzia, in seguito ospedale e successivamente caserma dei Carabinieri. Ma vediamo più da vicino la sua storia. La chiesa di Santa Maria del Piano è anche detta Madonna del Piano e l'edificio originario, un piccolo oratorio, venne costruito in data imprecisata ma sicuramente prima della metà del secolo XV . Il convento fu costruito in seguito, dai Frati Minori Osservanti nel terreno attiguo alla cappella di Santa Maria del Piano in seguito alla donazione della Comunità di Servigliano. Dopo numerosi crolli e ristrutturazioni, nell'800 i frati furono costretti ad abbandonare il complesso che tornò nelle mani del comune di Servigliano che poi, come abbiamo già sottolineato, lo ha usato per scopi civili e usi pubblici.
Ora continua la sua storia ospitando caldamente il nostro Rione. Sta diventando sempre più un punto di riferimento e ogni volta che si entra al suo interno, c'è la speranza di andare a riempire un'altra parete con il nono palio!
Che sia l'anno buono?

Ultima modifica il Mercoledì, 13 Agosto 2014 12:20